twitter
facebook
friend feed
flickr

Aniello Califano Tra chanteuses e varietà, nasce ‘O surdato ‘nnammurato

‘O surdato ‘nnammurato - Aniello Califano

‘O surdato ‘nnammurato - Aniello Califano

Aniello Califano nasce a Sorrento il 19 Gennaio 1870, nella casa dei nonni materni. La famiglia è di quelle che contano in fatto di ricchezza, infatti sono proprietari terrieri tra Sorrento e la provincia di Salerno.
La madre, di Sorrento, è comproprietaria dell’albergo Rispoli futuro Grande Hotel Vittoria, mentre la famiglia paterna è originaria di Malta.
Sin dalle elementari Aniello scopre la sua vena poetica e il padre, appassionato di letteratura dialettale, alimenta questa vena portandogli da Napoli libri di Ferdinando Russo e Salvatore Di Giacomo. Si esibisce durante le feste in casa improvvisando rime baciate, guadagnando, immancabilmente, un soldo da qualche parente. A scuola primeggia in italiano e storia. Nel 1887 il padre gli affitta un quartino in piazza Carità a Napoli, per permettergli di frequentare l’ultima classe del tecnico, ma qui i luoghi di piacere per un ragazzo della provincia sono troppi. Inizia così a frequentare trattorie, birrerie e caffè,  incontrando in uno di questi locali il poeta Ferdinando Russo, di cui è grande estimatore. Tra poeti e musicisti si trova a suo agio. Con il sostegno
economico del padre pubblica le sue prime raccolte di poesie. Ormai vive a Napoli da sei anni con l’aiuto dei genitori che continuano a finanziarlo, anche se rassegnati: non lo vedranno mai ingegnere! Di temperamento focoso, il poeta frequenta e corteggia molte sciantose dell’epoca, attirate anche dalla disponibilità economica del giovanotto, il quale, tra un’avventura e l’altra, non disdegna di tornare nel paese nativo, dove in casa dei genitori conosce Stella Pepe, dama di compagnia della madre. Stella è una donna del popolo sposata due volte e per due volte rimasta vedova.
Dall’amicizia con Aniello nasceranno quattro fi gli, anche se i due non si sposeranno mai. Il pensiero comune è che il poeta, viveur scapestrato, amante della bella vita e delle belle donne, non volesse sposare Stella. La verità è che Stella, per il fatto di aver perso due mariti, crede nel malocchio. Intanto, a Napoli nell’ambiente dei poeti e musicisti, Califano si è fatto strada: è stimato dai suoi colleghi anche per la sua copiosa produzione di poesie e canzoni, pur cambiando spesso editore. Siamo nel 1915: il generale Cadorna fi rma il bollettino di guerra, gli spettacoli hanno perduto gran parte del pubblico giovane e gli autori si concentrano su canzoni patriottiche. Nello stesso anno Aniello sforna undici canzoni, tra cui:

‘O surdato ‘nnammurato
Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe
a fi anco a me!
Si sicura ‘e chist’ammore
comm’i só sicuro ‘e te…
Oje vita, oje vita mia…
oje cor ‘e chistu core…
si stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo
sarraje pe’ me!
Quand ‘a notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte
‘mbraccio a me?!
Ma, scetánnome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te…

Ritornello
Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola…
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me…
‘A cchiù bella ‘e tutte bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Ritornello

L’editore Gennarelli, letti i versi sicommuove, lui che è un uomo tosto non ha potuto nasconderele lacrime ma si rende conto che, per trasformarli in una canzone orecchiabile, bisogna affi darli ad un musicista capace: Enrico Cannio. Il successo è immediato, la canzone è cantata nelle trincee e nei cafè chantant
ma, scoppiata la pace, il fascismo mette all’indice quel canto “disfattista”. Qualche decennio dopo i tifosi del Napoli calcio la cantano allo stadio come pegno
d’amore incondizionato.
Nel ‘19 Aniello muore, probabilmente per un’infezione alla gola, nella sua casa di S.Egidio del Monte Albino. Nel paese si diffonde la notizia che la morte è causata dal vaiolo, motivo per cui nessun impresario di pompe funebri è disposto a trasferirlo al cimitero. Infatti se ne occupa il mezzadro della fattoria di famiglia, che carica la bara su di un carretto e la porta, da solo, al cimitero e come epilogo della storia brucia il carretto e tutti i mobili della camera da letto del poeta.

Share

i commenti sono chiusi

Sfoglia Online

Il FILO CONDUTTORE

Direttore responsabile Antonio Soccol
Direttore editoriale Michele Canditone
Coordinamento editoriale Pina Silvestri
Editore Di Pietro Spa
Il Filo Conduttore - Periodico di informazione tecnica ed attualità - Registrazione del Tribunale di Napoli n. 46 del 13/07/2009 - NDB Web Service Srl - Web Agency