twitter
facebook
friend feed
flickr

Teleriscaldamento: riscaldare strutture pubbliche e private a “costi” ridotti per utenti ed ambiente oggi è una realtà.

Energie alternative: sistema di teleriscaldamento

Energie alternative: sistema di teleriscaldamento

Il Teleriscaldamento è un servizio complesso che fornisce direttamente, senza necessità di trasformazioni, l’energia necessaria alla casa, all’ufficio ed alle altre attività della vita quotidiana o alle strutture pubbliche, come scuole ed ospedali. Questa energia è prodotta principalmente nelle centrali di produzione, dotate di tecnologie all’avanguardia per raggiungere la migliore effi cienza possibile ed il minore inquinamento, pensate per l’utilizzo di energia che altrimenti andrebbe dispersa. Il termine teleriscaldamento (TLR) sottolinea la peculiarità del servizio, ossia la distanza esistente tra il punto di produzione e quelli di utilizzo. Il cuore del sistema risiede in una centrale di produzione che può servire edifi ci situati, anche, ad alcuni chilometri da essa. La distanza dei luoghi scaldati rispetto alla centrale, oltre un certo limite di alcuni chilometri, comporta delle eccessive dispersioni di calore durante il tragitto, che non rendono più conveniente il teleriscaldamento dal punto di vista economico e termodinamico. Per questo, all’aumentare della distanza, si possono rendere necessarie delle stazioni intermedie che aumentano la pressione e la temperatura dell’acqua. Si tratta di una forma di riscaldamento che consiste essenzialmente nella distribuzione di acqua calda, acqua surriscaldata o vapore (detti fl uidi termovettori) provenienti dalla centrale di produzione alle abitazioni, attraverso una rete di tubazioni isolate ed interrate ed un insieme di sottocentrali. Queste ultime, situate nei singoli edifi ci, sono costituite da scambiatori di calore e rendono possibile l’utilizzo del riscaldamento. Una volta ceduto il calore, il fl uido termovettore ritorna in centrale, dove ricomincia
il ciclo. Si possono sfruttare diversi combustibili per il funzionamento della centrale di produzione: gas naturale, olii combustibili, carbone, biomassa o anche rifiuti. In quanto impianto centralizzato di enormi dimensioni, la centrale di teleriscaldamento è molto più effi ciente di qualunque impianto di riscaldamento condominiale, non solo per le tecnologie più avanzate, ma anche perché a differenza di una piccola caldaia domestica, che viene frequentemente spenta e riaccesa a seconda del grado di calore desiderato, in una caldaia più grande tutte queste oscillazioni della domanda si compensano a vicenda, permettendole di funzionare continuamente alla stessa potenza, il che aumenta di molto l’efficienza. Inoltre, un grande impianto, anche dal punto
di vista delle emissioni inquinanti, è controllato molto più di qualsiasi caldaia privata.

Share

i commenti sono chiusi

Sfoglia Online

Il FILO CONDUTTORE

Direttore responsabile Antonio Soccol
Direttore editoriale Michele Canditone
Coordinamento editoriale Pina Silvestri
Editore Di Pietro Spa
Il Filo Conduttore - Periodico di informazione tecnica ed attualità - Registrazione del Tribunale di Napoli n. 46 del 13/07/2009 - NDB Web Service Srl - Web Agency