twitter
facebook
friend feed
flickr

Bye bye vecchie lampade, benvenuta efficienza energetica!

Lampadina ad incandescenza

Lampadina ad incandescenza

In base alla direttiva europea 2005/32/Ce ed ai suoi regolamenti applicativi, l’Unione europea mette al bando la tradizionale lampadina a incandescenza, inventata da Edison nel 1878 e immessa sul mercato oltre 130 anni fa, per fare largo a quelle appartenenti alle classi di efficienza A, B o C (lampade a fluorescenza, alogene e LED), cosiddette a risparmio energetico. L’abolizione è graduale ma inesorabile e si sta realizzando per fasi, ogni anno a settembre, per terminare nel 2012. Il processo è iniziato nel 2009, con la scomparsa progressiva dagli scaffali dei rivenditori di materiale elettrico delle lampadine da 100W. Il secondo step, nel settembre 2010, vedrà l’eliminazione delle lampadine da 75W. Nel 2011 toccherà a quelle da 60W e nel 2012 il processo si concluderà con l’esclusione dal commercio di quelle con potenza da 25 a 50W. Questa decisione nasce dalla volontà europea di migliorare l’effi cienza energetica del 20% entro il 2020. Infatti, le tradizionali lampadine consumano sotto forma di calore circa il 90% dell’energia elettrica utilizzata, trasformando in luce solo il rimanente 10%, mentre le lampade fl uorescenti compatte durano 8 volte di più, diminuendo sia i costi in termini di bolletta per gli utenti sia, e soprattutto, le emissioni di gas serra provenienti dalla produzione d’energia arrivando ad essere, quindi, fi no all’80% più effi cienti. La Commissione europea prevede che questa manovra comporterà un risparmio per famiglia mediamente pari a 25-50 euro l’anno. Nonostante il prezzo più elevato dei nuovi prodotti (per una lampadina si passa, in media, da 0,5 a 5 euro), i consumatori da un lato risparmiano sulla bolletta elettrica circa l’80% per ogni unità, dall’altro possono contare su una durata di vita di gran lunga maggiore (6-10 anni invece di 1-2 anni). Secondo uno studio del centro di Ricerca&Sviluppo di un’importante multinazionale che opera nel campo dell’illuminazione, avente come unità temporale di riferimento un intero anno, la decisione di imporre l’uso esclusivo delle tecnologie di ultima generazione porterà, a livello mondiale, ad un risparmio di 46 miliardi di euro in elettricità e 239 milioni di tonnellate di CO², pari alla produzione di 228 centrali elettriche o a 685 milioni di barili di petrolio. A livello europeo, utilizzando lo stesso criterio temporale, il risparmio in elettricità sarà di circa 10 miliardi di euro e la riduzione di CO² di circa 38 milioni di tonnellate, pari alla produzione di 52 centrali elettriche o a 156 milioni di barili di petrolio. Quest’addio defi nitivo consentirà, tuttavia, alcune limitatissime eccezioni e 28 Thomas Edison Centrale elettrica Enel Lampadina a incandescenza solo fi no al 2016: le lampadine da frigo, da freezer o da forno, quelle usate in neonatologia e quelle per le incubatrici negli allevamenti. Non sempre, però, è green tutto ciò che luccica, pardon, che illumina. Le lampade a fl uorescenza, infatti, contengono al loro interno mercurio e polveri fl uorescenti che, esauriti, diventano rifi uti tossici killer: “Un milligrammo di mercurio, il quantitativo presente in una singola lampadina, – affermano i ricercatori dell’Università di Stanford sulla rivista ‘Environmental Research’ – può contaminare 4.000 litri d’acqua e, infestando fl ora e fauna marittima, inserirsi nella catena alimentare umana, producendo effetti devastanti all’apparato neurologico, al sistema cardiovascolare, a quello riproduttivo e all’immunitario.” Per ovviare a queste “sgradevoli” conseguenze, non solo è necessario applicare sempre le dovute precauzioni in casa, come usare guanti in caso di rottura delle lampade per raccogliere i cocci e ventilare la stanza per evitare residui gassosi negli ambienti abitati, ma è stata creata un’apposita legge, già nel 2007, che regolamenta la gestione e lo smaltimento dei RAEE (Rifi uti da apparecchiature elettriche ed elettroniche). In Italia, Ecolamp è il principale consorzio delle aziende nazionali ed internazionali del settore illuminotecnico chiamato ad assicurare il ritiro dai Centri di Raccolta comunali delle apparecchiature di illuminazione giunte a fi ne vita ed il loro riciclo ecocompatibile. Nell’analisi costi benefi ci, questo sembra un prezzo da pagare trascurabile rispetto ai benefi ci che derivano da questo cambiamento e che si traducono non solo in un maggior rispetto per l’ambiente, fi no ad oggi soffocato dal progresso, ma anche e soprattutto in un tangibile risparmio per famiglie e aziende che vuol dire, praticamente, maggiore potere d’acquisto disponibile nelle tasche degli utenti.

Ecolamp

Ecolamp

Il Consorzio Ecolamp è stato costituito nel 2004 dalle principali aziende nazionali ed internazionali del settore illuminotecnico attive in Italia. Non ha scopi di lucro ma offre alle aziende aderenti ed agli altri soggetti interessati, un servizio per la gestione completa di tutte le fasi connesse al ritiro, trasporto, riciclo e smaltimento delle apparecchiature di illuminazione a fi ne vita. L’eco-contributo RAEE, importo aggiunto al prezzo di vendita di ogni nuova apparecchiatura elettrica ed elettronica acquistata, non è una tassa, ma un contributo ambientale previsto dalla normativa europea e nazionale per fi nanziare il processo di riciclo dei RAEE e non genera alcun guadagno né per il Consorzio, né per i Produttori, né per i rivenditori. Il sistema di raccolta implementato da Ecolamp consiste in una presenza capillare su tutto il territorio nazionale di “piazzole ecologiche” presso cui depositare i RAEE, censita dal Centro di Coordinamento.

Share

i commenti sono chiusi

Sfoglia Online

Il FILO CONDUTTORE

Direttore responsabile Antonio Soccol
Direttore editoriale Michele Canditone
Coordinamento editoriale Pina Silvestri
Editore Di Pietro Spa
Il Filo Conduttore - Periodico di informazione tecnica ed attualità - Registrazione del Tribunale di Napoli n. 46 del 13/07/2009 - NDB Web Service Srl - Web Agency