twitter
facebook
friend feed
flickr

Il Filo Conduttore: una rivista aperta a tutti

Michele Canditone

Michele Canditone

Sulla terra ilFiloConduttore di tutto è l’uomo. Benjamin Franklin lo ha definito “un animale fabbricatore di utensili” conciliando con queste tre semplici parole tutto il suo valore: un essere con anima capace di inventare oggetti utili a migliorare costantemente la sua qualità di vita. Musil ha aggiunto un dettaglio fondamentale scrivendo che di un uomo “non si deve sapere quello che fa ma solo i suoi arrivi e le sue partenze”.
Questa nuova pubblicazione si rivolge a tutti quegli esseri umani che credono nel futuro e quindi in sé stessi. Che amano la vita e la sua intensità. Che vogliono capire. Che vogliono agire. Sappiamo da dove partono. Non dove arrivano perché vogliono orizzonti più grandi, infiniti. Quegli uomini potete, se volete, essere voi. Possiamo, e lo vogliamo, essere noi.

Con questo spirito nasce ilFiloConduttore, un periodico che prende il titolo dalla creatività dell’ingegner Giuseppe Cicoira, della Di Pietro Spa, che vuole essere
aperto a tutti, dai clienti, ai loro familiari, ai dipendenti. Un pubblico vastissimo a cui ci rivolgiamo con contenuti che oltre a creare interesse, informano e incuriosiscono.

Accanto a spazi prettamente tecnici, con interventi diretti dei produttori, vi sono rubriche di cultura, di viaggi, consigli e curiosità. Alcune hanno una caratteristica fondamentale: sono realizzate con i contributi dei lettori. Attraverso la loro partecipazione attiva puntiamo alla creazione di nuovi contenuti e di nuove sezioni. Il coinvolgimento diretto e l’instaurazione di un libero e costante scambio di opinioni è l’obiettivo principale della redazione.

ilFiloConduttore vuol diventare uno strumento efficace per valorizzare la filosofia che Di Pietro pone al centro della sua azione d’impresa: l’enfatizzazione di un rapporto di fiducia totale sia nei confronti dei fornitori, che, e soprattutto, dei clienti, dei dipendenti e delle  associazioni di categoria.
Fiducia che ha le sue fondamenta nell’instaurazione di relazioni basate esclusivamente sull’ascolto continuo ed il coinvolgimento diretto.
Di Pietro crede, infatti, che un nuovo e forte spirito di collaborazione possa essere il passo determinante per uscire dal momento di difficoltà che coinvolge tutti.

Nel tempo amplieremo la rivista: già nel prossimo numero conterrà uno speciale sull’Open Space di settembre, e vi saranno altre novità.
Scriveteci: le vostre opinioni ci interessanno e ci riguardano. Grazie.
Nella mia duplice funzione di direttore generale della Di Pietro Spa e di direttore editoriale de ilFiloConduttore provo, in questo momento, una precisa esigenza morale: ricordare come l’attuale realtà dell’azienda, qualcosa di veramente concreto ed efficiente nel tanto tormentato territorio campano, derivi dalla determinazione e dalle capacità imprenditoriali di Massimo Di Pietro e di sua moglie Vittoria Cerboni. Pochi sanno che, circa cinquantacinque anni or sono, tutto è nato da un piccolo negozio di Piazza Mercato a Napoli dove si vendevano lampadine. All’epoca Massimo Di Pietro aveva 18 anni e Vittoria era la sua fidanzatina. L’improvvisa morte del padre Amedeo ha imposto al giovane di affrontare tutte le responsabilità che investono un capo famiglia: c’erano una mamma e due fratelli da far crescere, studiare e portare a maturità. E la “soluzione” è stata l’unica che un uomo serio ed onesto, specie se giovanissimo, possa prendere e perseguire in questi casi: lavorare, lavorare, lavorare. Conosco fin da quei lontani tempi questa azienda che oggi vede a capo la figlia Cristiana con la qualifica di Presidente e il figlio Maurizio che fa parte del Consiglio di Amministrazione. La piccola attività nata dalla vendita di lampadine si è trasformata in una Società per Azioni, il piccolo negozio di piazza Mercato in una impresa che collabora con oltre 100 (tra più e meno noti) produttori di materiale elettrico e che dispone di diciannove “punti vendita” in Campania, Lazio, Calabria e Sardegna, oltre che di un impianto centrale a Marcianise di ben 12.000 mq. Una realtà che è persino sponsor della Società Sportiva Calcio Napoli. Ecco da quale esperienza umana nasce oggi questa rivista. Ecco perché ho scritto che è dedicata a quegli uomini che “sanno da dove partono ma non dove arrivano perché vogliono orizzonti sempre più grandi”. Concludo col preciso desiderio di chiarire che la premessa di questo articolo mi è stata suggerita dall’amico giornalista Antonio Soccol, che desidero ringraziare per quel che ha rappresentato e rappresenta nella mia vita personale e professionale, da quando l’ho conosciuto direttore della meravigliosa rivista No Limits World ’94, e che oggi ha accettato l’incarico di direttore di questo giornale solo per farmi felice.

Share

i commenti sono chiusi

Sfoglia Online

Il FILO CONDUTTORE

Direttore responsabile Antonio Soccol
Direttore editoriale Michele Canditone
Coordinamento editoriale Pina Silvestri
Editore Di Pietro Spa
Il Filo Conduttore - Periodico di informazione tecnica ed attualità - Registrazione del Tribunale di Napoli n. 46 del 13/07/2009 - NDB Web Service Srl - Web Agency